This website uses third party cookies to improve your experience. If you continue browsing or close this notice, you will accept their use.

C. Bastasin & M. Messori: A Joint Intervention for Italy - A Non-Punitive Plan for Investment and Reform

image-02/13/2017 - 15:47The Italian government needs to propose a contractual agreement to European institutions aimed at reforming the country. The process of economic and administrative reform needs to be subjected to rigorous monitoring by the European institutions. On the other hand, Italy should obtain a medium-term plan to re-launch private and public investment through the mobilization of European resources that are, in part, already available. The agreement cannot be reduced to the financial assistance programs that some other euro-zone countries have benefited from in recent years. In fact, it would not be centered on sanctions but it would stimulate that capital formation lost in Italy during the crises due to the radical uncertainty over the future of the euro-area. It is this persistent uncertainty that, interacting with the country’s own weaknesses, impedes the Italian economy to converge towards the rest of the euro-area, and thus keeps the future integrity of the monetary union in doubt. Our new analysis on the impact of radical uncertainty on investment and savings decisions, also suggests the need for a profound revision of European economic governance. 

Continue Reading


image-02/13/2017 - 15:50Il governo italiano deve proporre alle istituzioni europee un accordo contrattuale per la riforma del paese. Il processo di riforma economica e amministrativa va sottoposto a un rigoroso monitoraggio da parte delle istituzioni europee. A fronte di ciò, l'Italia otterrebbe un piano di medio termine per il rilancio degli investimenti privati e pubblici attraverso la mobilitazione di risorse europee, in parte già disponibili. L'accordo non è assimilabile ai programmi di assistenza finanziaria, di cui hanno usufruito altri paesi dell’euro-zona in anni recenti. Esso non avrebbe infatti carattere sanzionatorio, ma mirerebbe a stimolare quella formazione di capitale interrotta in Italia nel corso della crisi a causa dell'incertezza radicale sulla tenuta dell'euro-zona. E' tale persistente incertezza che, facendo leva sulle debolezze del paese, impedisce all'economia italiana di convergere con il resto dell'euro-area e finisce – così - per minare l’integrità dell'unione monetaria. La nostra nuova analisi, relativa all'impatto dell'incertezza radicale sulle decisioni di investimento e di risparmio, implica anche la necessità di una profonda revisione del sistema di governo dell'economia europea.  

Scaricare la versione PDF del documento completo